Archivi categoria: Libri

Libri che ci piacciono

Catalogo di riviste scientifiche liberamente consultabili


Visualizzazione ingrandita della mappa

Le università svedesi sono ai primi posti in Europa per qualità ed efficienza.

La biblioteca dell’Università di Lund (fondata nel 1666),  ha vinto un premio prestigioso per aver contribuito in modo significativo alla libera divulgazione scientifica.

Ha infatti creato un portale che cataloga oltre 4.000 riviste scientifiche i cui articoli sono scaricabili gratuitamente.

doaj

Le riviste spaziano in tutto lo scibile umano, dall’astronomia alla storia, dalle lingue alla biologia.

Agriculture and Food Sciences
Arts and Architecture
Biology and Life Sciences
Business and Economics
Chemistry
Earth and Environmental Sciences
General Works
Health Sciences
History and Archaeology
Languages and Literatures
Law and Political Science
Mathematics and Statistics
Philosophy and Religion
Physics and Astronomy
Science General
Social Sciences
Technology and Engineering

Come tracciare una linea dritta senza usare una riga

Come disegnare una linea retta?

Sembra una domanda molto strana, ma per gli ingegneri di epoca vittoriana si trattava di una questione cruciale.

Avevano bisogno di muovere il pistone di un motore a vapore in linea retta.

image

Ad esempio, il motore di Newcomen mostrato nella figura utilizza una catena. Questa però può solo tirare in una direzione. Quando i motori vennero sviluppati per spingere oltre che tirare, questo approccio non funzionava più.

Quindi, come si può disegnare una linea retta senza un bordo di riferimento?

La risposta a questa domanda la trovate in questo filmato tratto dal sito dedicato al libro “How round is your circle? : where engineering and mathematics meet” di John Bryant and Chris Sangwin.

Le varie sezioni del sito contengono anche le relative costruzioni geometriche realizzate con il famoso GeoGebra. Con Java installato potete interagire con il modellino qui sotto.

Peaucellier’s linkage

Questo è il primo e più famoso meccanismo in grado di tracciare una linea perfettamente dritta.
Muovete il punto C per verificarlo.
Sorry, the GeoGebra Applet could not be started. Please make sure that Java 1.4.2 (or later) is installed and active in your browser (Click here to install Java now)

Chris Sangwin, 23 Dec 2006, Creato con GeoGebra

How round is your circle?

Hungry Planet, consumi alimentari a confronto

     In Hungry Planet, Peter Menzel e Faith D’Aluisio presentano uno studio fotografico di famiglie provenienti da tutto il mondo, rivelando ciò che la gente mangia nel corso di una settimana.

Germany: The Sturm Family of Hamburg. 

Food Expenditure for One Week: € 253.29 ($325.81 USD). Favorite foods: salads, shrimp, buttered vegetables, sweet rice with cinnamon and sugar, pasta.

Ogni profilo include una descrizione dettagliata degli acquisti di prodotti alimentari settimanali, fotografie della famiglia a casa, sul mercato, e nelle loro comunità, e un ritratto di tutta la famiglia, circondata da i generi alimentari consumati in una settimana.
     Per assemblare questo notevole confronto, Menzel e D’Aluisio hanno viaggiato in ventiquattro paesi, visitato trenta famiglie dal Bhutan alla Bosnia, dal Messico alla Mongolia.

Un’indagine capillare e consapevole sul consumo alimentare e sulla disparità della sua distribuzione nel mondo, in un’epoca di grande cambiamento.

Il libro, autoprodotto dagli autori, accanto alle immagini propone interviste, ricette, statistiche ed informazioni dettagliate e curiose sulle diverse abitudini alimentari nel nostro pianeta; un po’ atlante, un po’ libro di cucina, un po’ diario di viaggio; tutto il necessario per restituire il sapore ed il colore delle tavole di ogni parte del mondo.

Le tavole occidentali imbandite di junk food stridono accostate a quelle più povere, dove il colore è dato dagli alimenti invece che dai mistificanti packaging ideati dagli esperti di marketing.

Se da un lato vediamo come la globalizzazione ci faccia trovare quasi su ogni tavola bibite, hamburger e cereali per colazione prodotti dalle grandi multinazionali, dall’altro non possiamo fare a meno di notare come milioni di persone in gran parte del mondo, ma soprattutto nel sud del mondo, siano costrette a sopravvivere con un sacco di riso e qualche patata, frutta, verdura e latte fresco, ma quasi mai carne o pesce.

Una famiglia di quattro persone in Germania consuma una media di 400 euro a settimana in cibo, mentre sei persone in Chad si fanno bastare una spesa di cibo di meno di un euro. In Bhutan, nella stessa settimana, vengono consumati circa 125 gr. di carne o pesce secco (e non più di due volte al mese) e 30 Kg. di riso, contro i 5 Kg. di una famiglia cinese, accompagnati però da quasi 6 Kg. di carne e pesce fresco.

Sprechi alimentari istituzionalizzati ormai inconsapevolmente assunti tra le regole del vivere quotidiano, il superfluo come status in una società sorda alle diversità, cieca ed indifferente di fronte ad ogni richiesta di equità e di rispetto dei diritti di tutti, pur nell’eterogeneità e nella globalizzazione del mondo e delle culture, sono i temi più profondi che sottendono a questa preziosa ed analitica documentazione fotografica.