Moduli Google o Microsoft Forms?

Moduli Google e Microsoft Forms sono entrambi strumenti utili per creare sondaggi e moduli di raccolta dati. Tuttavia, ci sono alcune differenze tra i due servizi che possono influire sulla scelta del migliore per le proprie esigenze.

gf

Moduli Google è stato lanciato nel 2008 come parte del pacchetto Google Drive. È gratuito e facile da usare. La sua interfaccia utente è intuitiva e facile da navigare. Gli utenti possono scegliere tra una vasta gamma di domande, tra cui a scelta multipla, risposta breve, scala lineare, casella di testo, casella di controllo e altro ancora. Inoltre, Google Forms offre la possibilità di personalizzare il layout e lo stile del modulo, così come di aggiungere immagini e video. Inoltre, le risposte raccolte possono essere visualizzate in tempo reale e gli utenti possono esportare i dati in una varietà di formati, tra cui Excel e Google Sheets. Tuttavia, Moduli Google non offre molte opzioni di personalizzazione avanzate e non è possibile accedere ai moduli offline.

Microsoft Forms, d’altra parte, è stato lanciato nel 2016 come parte di Office 365. Anche in questo caso, è gratuito e facile da usare. L’interfaccia utente è simile a quella di Moduli Google e offre una vasta gamma di domande tra cui scegliere, tra cui a scelta multipla, risposta breve, scala lineare, casella di testo, casella di controllo e altro ancora. Inoltre, Microsoft Forms offre molte opzioni di personalizzazione avanzate, tra cui la possibilità di aggiungere loghi personalizzati e immagini di sfondo, nonché la possibilità di modificare i colori e il layout. Inoltre, gli utenti possono accedere ai moduli offline e le risposte possono essere esportate in Excel. Tuttavia, Microsoft Forms non è disponibile per il download e l’installazione su computer personali e non offre la possibilità di esportare le risposte in formati diversi da Excel.

 

In sintesi, se si cerca una soluzione semplice e gratuita per creare moduli di raccolta dati, Moduli Google è una scelta eccellente. Tuttavia, se si vuole una maggiore personalizzazione e la possibilità di accedere ai moduli offline, Microsoft Forms potrebbe essere la scelta migliore. In ogni caso, entrambi i servizi offrono una vasta gamma di funzionalità e sono facili da usare.

Creare un Modulo Google e inviare via email i risultati

Avevamo già illustrato come automatizzare l’invio dei risultati raccolti da un modulo Google.

Si doveva utilizzare uno script gratuito, ma adesso, con gli ultimi aggiornamenti dei Moduli Google, la funzione di invio automatico è stata aggiunta alle numerose opzioni dell’utilissima applicazione di casa Google.
Vediamo, un passaggio alla volta, come creare un Questionario Google da pubblicare online e soprattutto come gestire la raccolta e l’inoltro automatico delle risposte.

1) Iniziamo cliccando qui e scegliamo un nuovo modulo vuoto:

(Se non avete ancora un account Google vi verrà chiesto di crearlo o di accedere a quello che già possedete)

2) Date un Titolo al Questionario e iniziate ad inserire le vostre Domande. Come vedete il Modulo viene automaticamente salvato nel vostro spazio Google Drive.

Vi consigliamo di esplorare anche il link “Modifica impostazioni” dove potrete impostare alcuni importanti parametri. Ad esempio potete fare in modo che gli utenti che compilano il Questionario ricevano le proprie risposte.

Oppure dare un punteggio ad ogni domanda per trasformare il Questionario in un vero e proprio Quiz con tanto di votazione finale.

3) Vediamo infine come impostare il salvataggio e la notifica delle risposte ricevute.

Clicchiamo su “Risposte” e poi sui tre pallini in verticale:

Basterà mettere la spunta all’opzione “Ricevi notifiche email per le nuove risposte” e saremo sicuri di non perderci nemmeno una nuova risposta al nostro Questionario.

Se invece clicchiamo sul simbolo verdeVisualizza le risposte in Fogli” potremo salvare tutte le risposte in un foglio tipo Excel che offre anche altre opzioni.

Dopo aver aperto il foglio di calcolo che conterrà le risposte, potremo anche attivare ulteriori notifiche cliccando prima in alto su “Strumenti” e poi su “Regole di notifica”.

Qui potremo decidere cosa e quando ricevere le notifiche ricordandosi di Salvare le opzioni scelte.

Volete verificare voi stessi il funzionamento di questi Moduli Google?

Cliccate qui e rispondete alle nostre domande.

Exit mobile version
%%footer%%