Archivi tag: licenza media

Soluzioni guidate prove Nazionali Invalsi di Matematica

image

Come previsto e promesso, ecco scaricabile in formato PDF la griglia con le soluzioni ai 26 quesiti Invalsi di matematica relativi all’anno scolastico 2010/2011.

image

Se volete sapere come arrivare ai risultati, vi consigliamo di scaricare le nostre Soluzioni Guidate che illustrano in dettaglio tutti i passaggi necessari a risolvere i quesiti.

Le ultime prove Invalsi, con correzione guidata

image Il prossimo 20 giugno 2011 tutti gli alunni delle terze medie affronteranno i quesiti delle prove nazionali Invalsi.

Abbiamo raccolto le prove dal 2003 al 2010 con relativa Correzione Guidata. Scaricatele ed esercitatevi.

 

Ricordate che per visualizzare i file PDF occorre il programma gratuito Acrobat Reader

Classe e Materia Anno Scolastico Dimensioni
Matematica Prima Media 2003/2004 924 kB
Scienze Prima Media 2003/2004 1200 kB
Matematica Terza Media 2007/2008 989 kB
Matematica Terza Media 2008/2009 894 kB
Matematica Quinta Primaria 2009/2010 1250 kB
Matematica Prima Media 2009/2010 2360 kB
Matematica Terza Media 2009/2010 3140 kB
Matematica Terza Media 2010/2011 3670 kB

Raccolta Soluzioni Guidate di altri Test di Matematica Pubblicati dall’Invalsi

Classe e Materia Descrizione Dimensioni
Matematica Terza Media A Primo Gruppo di 21 quesiti 947 kB
Matematica Terza Media B Secondo Gruppo di 21 quesiti 676 kB
Matematica Terza Media C Terzo Gruppo 21 di quesiti 632 kB
     

Ricordate che per visualizzare i file PDF occorre il programma gratuito Acrobat Reader

Altri quesiti Invalsi, prova nazionale di matematica

In attesa che il Ministero dirami ulteriori chiarimenti, riferiamoci all’ultima circolare visibile sul sito www.istruzione.it datata 13 marzo 2009 e riportata più sotto.

quadrilatero

Nel frattempo mettiamo a disposizione altri quesiti preparati dall’INVALSI, si tratta di tre serie da 21 domande.

Provate a rispondere e tornate a visitare il sito tra un paio di giorni per vedere la griglia delle soluzioni.

Scaricateli qui in formato PDF:

Circolare Ministeriale N. 32 prot. n. 2528 /R.U./U Come è noto l’art. 11, comma 4 ter (comma aggiunto dal decreto legge 7 settembre 2007, n. 147, convertito dalla legge 25 ottobre 2007, n. 176), del decreto legislativo 19 febbraio 2004, n. 59, ha introdotto, nell’ambito dell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione, “una prova scritta, a carattere nazionale, volta a verificare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti“. Con la presente circolare vengono fornite prime indicazioni, per l’anno scolastico 2008/2009, relative a tale prova nazionale. Si parla di prime indicazioni riferite alla prova nazionale in quanto istruzioni organiche, in materia di scrutini ed esame di Stato, saranno dettate a seguito della pubblicazione del regolamento (di coordinamento delle norme vigenti per la valutazione degli studenti) di cui all’articolo 3, comma 5, del decreto legge 1 settembre 2008, n. 137, convertito dalla legge 30 ottobre 2008, n. 169 (atto normativo quest’ultimo che ha innovato, in modo significativo, le disposizioni in materia di valutazioni periodiche, annuale e conclusiva del ciclo). Peraltro, con circolari n. 100 del 11 dicembre 2008 e n. 10 del 23 gennaio 2009 sono state date prime informazioni sui processi di attuazione della nuova normativa di cui sopra, nonché prime indicazioni in tema di valutazione degli apprendimenti e del comportamento. In aggiunta alle dette indicazioni inerenti alla prova nazionale, si forniscono istruzioni relative all’ammissione dei candidati privatisti all’esame di Stato ed agli esami di idoneità. ESAME DI STATO – CALENDARIO 18 giugno 2009, alle ore 8.30. ESAME DI STATO – PROVA NAZIONALE La direttiva del Ministro n. 75 del 15 settembre 2008, che individua gli obiettivi generali delle politiche educative nazionali cui l’Invalsi deve attenersi per lo svolgimento della propria attività istituzionale per l’anno scolastico 2008/2009, prevede, tra l’altro (punto 9), che il detto Istituto, nel predisporre i testi da sottoporre alla scelta del Ministro per la prova scritta a carattere nazionale, segua i criteri e le modalità indicate nella precedente, specifica direttiva n. 16 del 25 gennaio 2008 (relativa alla prova nazionale per l’anno scolastico 2007/2008). La richiamata direttiva n. 16 stabilisce che la prova da somministrare deve avere caratteristiche tali da: L’ordinanza n. 67 del 28 luglio 2008, relativa al calendario scolastico nazionale, stabilisce (articolo 2) che “La prova scritta a carattere nazionale nell’ambito degli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di primo grado, per l’anno scolastico 2008/2009, si svolgerà, per l’intero territorio nazionale, il giorno

  • consentire di accertare i livelli generali e specifici di apprendimento conseguiti dagli studenti relativamente all’italiano e alla matematica;
  • consentire, in sede di esame, la valutazione degli apprendimenti sulla base di procedure standardizzate;
  • contribuire all’attività di monitoraggio e di valutazione dell’andamento tendenziale del livello di conoscenze alla fine del primo ciclo di istruzione.

ESAME DI STATO – CONTENUTI DELLA PROVA NAZIONALE Premesso che l’impostazione e la struttura della prova nazionale si avvalgono della esperienza acquisita dall’Invalsi nelle rilevazioni nazionali e internazionali sugli apprendimenti, nonché della conoscenza delle prassi didattiche, e che, come sopra detto, per l’anno scolastico 2008-2009 tale prova riguarderà l’italiano e la matematica, si informa che la tipologia di prova scelta dal Ministro, tra quelle predisposte dall’Invalsi, ha le seguenti caratteristiche. La sezione di italiano è divisa in due parti: parte A ” comprensione della lettura, ovvero testo narrativo ed uno espositivo seguito da quesiti; parte B ” riflessione sulla lingua, serie di quesiti su conoscenze grammaticali. I quesiti sono sia a scelta multipla sia a risposta aperta. La sezione di matematica prevede quesiti a scelta multipla e a risposta aperta sulle seguenti aree: numeri, geometria, relazioni e funzioni, misure, dati e previsioni. La natura della prova è tale da permettere una comparazione degli esiti a livello di classe, scuola, regione e paese. Il congruo numero di domande afferenti a sezioni diverse della prova consente, inoltre, di esprimere una valutazione accurata per tutti gli allievi, anche in considerazione dell’opportunità di misurare gli esiti di studenti con caratteristiche differenti. Le prove strutturate di italiano sono state costruite e calibrate in modo tale da consentire una valutazione degli allievi di madre lingua non italiana, conservando i requisiti di affidabilità e di comparabilità della scala di valutazione. Per le minoranze linguistiche tedesche e slovene i testi della prova verranno predisposti in lingua madre.